News

Gale Halderman, morto il designer della prima serie della celebre Mustang

Triste giornata il 29-04-2020, in occasione del “Happy 429 Day”. Purtroppo uno degli eroi pi√Ļ famosi del settore, ed icona della Mustang, Gale Halderman, √® venuto a mancare. Il progettista principale della Ford Mustang originale ha perso la sua breve battaglia contro il cancro quella mattina presto presso il Upper Valley Medical Center di Troy, nell’Ohio. Halderman aveva 87 anni. La carriera quarantennale di Gale Halderman, alla Ford Design, √® stata ricca di successi, ed il pi√Ļ grande di tutti √® stato aver disegnato le forme di una delle auto pi√Ļ iconiche del mondo, la Mustang.

Agli inizi del 1962, Lee Iacocca, vicepresidente della divisione Ford, ingegnere capo Donald Frey e Hal Sperlich, responsabile dei progetti speciali, aveva elaborato un progetto meravigliosamente concepito per produrre un’elegante e nuova “macchina per giovani”, nome in codice “T-5”. Una competizione interna nello studio di design ha prodotto un favorito unanime in meno di due settimane: una compatta a quattro posti, bassa ed elegante, con un cofano lungo e un passo corto.
FordMustang1962
Il design che ha definito la Ford Mustang originale √® stato disegnato su carta principalmente da Halderman, che da giovane stilista aveva lavorato a stretto contatto con il capo dello studio Ford Joe Oros e David Ash per elaborare idee di design per questo nuovo concetto di auto sportiva. Dopo che Lacocca convoc√≤ una competizione tra gli studi Ford e Mercury, Oros chiese a Halderman di lavorare su alcuni progetti dall’oggi al domani, ed il giorno successivo uno dei suoi sei schizzi fu selezionato tra le due dozzine presentate. Dopo che Oros e il suo team portarono la macchina dagli schizzi ad un modello in creta, soprannominato “Cougar“, il progetto di base di questo “Special Falcon” (come venivano chiamati i primi prototipi) avrebbe infine raggiunto una produzione su larga scala. Questo √® un segno distintivo di molti design senza tempo e davvero una rarit√† in un’industria automobilistica a lungo afflitta da prodotti “design by Committee”. Fin dall’inizio, la Mustang ha avuto uno sguardo tutto suo, con proporzioni che esprimevano energia, entusiasmo e movimento. Prima c’erano auto sportive e muscle car, ma i primi coup√© e deccapottabili Mustang “notchback” avevano un fascino unico.

Dopo aver disegnato la forma ormai classica di Mustang, Halderman fu incaricato di guidare il team di progettazione responsabile di portare la Mustang del 1965 dallo schizzo concettuale all’argilla, e quindi dalla fattibilit√† fino alla produzione. Halderman √® stato capo principale del progetto Ford Mustang per altri otto anni. I progressi del design Mustang sotto la guida di Halderman includevano: la Fast 2+2 del ’65, la SportsRoof del ’67, ed infine la Notchback del ’71 e la Full Fastback. Pi√Ļ tardi, Halderman ha supervisionato lo sviluppo del design della Fox Body (3a generazione) del 1979 lavorando per il capo del settore design Jack Telnack.

Halderman era entrato in Ford nel 1954 dopo essersi diplomato al Dayton Art Institute. Ha iniziato come designer per Lincoln-Mercury, si è trasferito nello studio aziendale, per poi essere assegnato allo studio di pre-produzione Ford. Nel 1958, dopo incarichi negli studi Truck e Ford, fu scelto per dirigere lo Studio avanzato Ford. Come manager, aiutò a progettare concept car Ford come la Levacar, la Mark X sixty-five, la Astrion e la Gyron.
Nel 1960, Halderman torn√≤ al Ford Design Studio e inizi√≤ a lavorare sulla compatta Falcon e poi sulla Mustang originale sotto Oros. Dopo otto anni come direttore dello studio Ford, Halderman √® passato a dirigere la Ford Truck Studio. Nel 1968, √® diventato direttore dello studio di design Lincoln-Mercury, dove ha diretto il progetto per una nuova “midsize” Mercury chiamata Montego. Mentre lavorava alla Lincoln-Mercury, lavor√≤ anche alla Lincoln Continental Mark VI e guid√≤ il team che progett√≤ la Lincoln Mark VII e VIII prima di ritirarsi nel 1994.
Proprio come la morte della leggenda del settore Lee Lacocca, lo scorso luglio, la notizia della morte di Halderman si era diffusa come un incendio nella comunit√† degli appassionati di Mustang. Dichiarazioni di lode e tristezza arrivavano da ogni parte, dall’ufficio di Bill Ford Jr., presidente esecutivo della Ford Motor Company e pronipote del fondatore dell’azienda Henry Ford, fino ai direttori e ai membri del club di tutte le parti del mondo.
Il guru dell’auto Hal Sperlich, conosceva bene Halderman e da molto tempo ha riconosciuto il contributo di Gale al successo della Mustang. Cos√¨ Hal parl√≤ di Gale durante una dichiarazione rilasciata a Ford Performance:

Ci√≤ che ha reso la Mustang cos√¨ popolare dal giorno in cui ha debuttato √® stato il suo design, e Gale ha centrato in pieno l’obiettivo. Il suo lavoro su quell’auto √® stato fondamentale, e non solo dal punto di vista dello stile. Una volta finalizzato il progetto, a Gale √® stato assegnato il compito di portarlo a termine attraverso la fattibilit√† ingegneristica, dove √® stato in grado di affrontare le molte sfide senza sacrificare il lavoro di progettazione. Abbiamo lavorato a stretto contatto in quel momento e siamo diventati amici, il che √® stato facile perch√© Gale era davvero un bravo ragazzo. √ą una perdita terribile per quelli di noi che lo hanno conosciuto.

Gli storici potrebbero dire che il pi√Ļ grande traguardo automobilistico di Jack Telnack, capo di Ford Design in pensione, √® stato introdurre il concetto di “Aero Look“, poi reso popolare dalla rivoluzionaria Ford Taurus del 1986, ma gli appassionati di Mustang lo conoscono come il padre della Fox Body Mustang del 1979-93. Quest’ultimo progetto ottenne il favore di Henry Ford II su dei progetti di terza generazione presentati da Halderman. Jack ricorda con queste parole Gale, ai microfoni di Ford Performance:

Sono cos√¨ triste di aver perso Gale. Era un gioiello. Penso che ci√≤ che lo ha reso cos√¨ prezioso per la Ford sia stato il fatto che Gale avesse un buon intuito per il mercato americano e da quel momento √® stato in grado di sviluppare design americani puri che i compratori adoravano. Sembrava solo sapere cosa i clienti vorrebbero vedere su un’auto prima di iniziare un design, e questo va oltre il semplice talento di stile. Joe Oros lo riconobbe e prese Gale sotto la sua ala. Inoltre Gale era un ragazzo cos√¨ affabile, una brava persona con cui lavorare.

In effetti, Haldeman ha confessato il suo cambiamento nella prospettiva del design in un’intervista rilasciata a Ford Performance dopo la morte di Lacocca l’estate scorsa:

In realtà ho cambiato il modo di progettare le auto dopo aver lavorato con Lacocca. Disegnavo solo macchine che pensavo fossero carine. Ma Lee mi ha fatto pensare a che tipo di design attirerebbe le persone e cosa venderebbe. Mi ha fatto capire come progettare automobili che sarebbero state universalmente amate dal pubblico e gradite ai loro occhi e non solo agli occhi dei designer.

Art Hyde, pensionato della Ford, detiene il primato di essere un ex ingegnere capo della Mustang in due programmi Mustang, sia per la quarta generazione che per le vetture di quinta generazione. E ricorda bene Gale, tanto da parlarne così:

Da quando ho incontrato Gale Halderman nel 1978, √® stato sempre modesto con i suoi successi e generoso con la sua volont√† di aiutare tutti coloro che ne avevano bisogno. Era il direttore del design per il programma Erika Escort e io ero un tirocinante universitario. √ą stata la mia prima esperienza di lavoro con il Design Center e non ne sapevo nulla. Gale si offr√¨ volontario, e disse che avrebbe risposto alle mie domande. Probabilmente non si aspettava un cos√¨ grande carico di domande, ma ha pazientemente condiviso la sua saggezza, la quale si √® rivelata incredibilmente preziosa per la mia carriera. Avevo sentito la storia di un designer che aveva disegnato la Mustang originale su un tovagliolo del tavolo della sua cucina, ma immaginavo che quella persona si fosse ritirata quando mi ero unito alla Ford. Fu anni dopo che lo incontrai, grazie ad un amico in comune, e mi disse che era Gale. Quando ho avuto la possibilit√† di parlarne con lui, mi ha raccontato la storia e mi ha mostrato il disegno. Una foto di quel tovagliolo √® appesa all’ingresso del mio ufficio di casa oggi. Mi ricorda di essere intraprendente e creativo per creare il futuro in cui vuoi vivere. Mi ha anche insegnato a pensare profondamente al problema che sto cercando di risolvere quel giorno e a valutare e rispettare sempre tutti, indipendentemente da dove sono venuti da, cosa hanno realizzato o quali capacit√† hanno. Questa √® una parte dell’eredit√† di Gale per me. L’altra parte, l’ho dedicata alla mia carriera e la mia vita che condivido con orgoglio con il resto del mondo e con generazioni non ancora nate. Finch√© c’√® una Mustang, avremo Gale con noi.

Il designer Ford in pensione Bud Magaldi, che aveva disegnato la Mustang di quarta generazione di Hyde per il 1994, è stato commosso dalla notizia della morte di Halderman:

Sono molto triste di sapere della sua scomparsa. Gale era, ed √® ancora nella mia mente, il progettista automobilistico pi√Ļ calmo e raccolto con cui abbia mai avuto il piacere di lavorare; il suo comportamento calmo e la conoscenza del nostro mestiere mi hanno sempre impressionato. Non solo era un buon mentore, ma era sempre un gentiluomo, una qualit√† che ammiravo molto! Mancher√† a tutti quelli che lo conoscevano, specialmente quelli associati alle Mustang, passati e presenti. Il nostro cuore va alla sua famiglia.

Anche l’attuale top management della Ford Motor Company sa bene cosa gli sforzi di Halderman hanno significato per tutti coloro che lavorano oggi al Blue Oval. Hau Thai-Tang √® Chief Development and Officer per la Ford Motor Company, ma gli appassionati lo conoscono meglio come l’ingegnere capo Mustang che ha portato a compimento la quinta generazione Mustang dell’anno 2005. Queste le parole spese su Gale:

Sono rattristato dalla notizia della scomparsa di Gale Halderman. Gale √® stato determinante nel design e nella creazione dell’originale Mustang. Il suo design non solo ha creato un prodotto rivoluzionario, ma ha impostato il modello per tutti i futuri Mustang. Ci mancher√† moltissimo e i fan di Mustang in tutto il mondo sono in debito con il genio di Gale.

Dave Pericak, direttore tecnico della gestione delle linee di prodotti aziendali Ford Icons, √® un altro nome familiare nella comunit√† di appassionati di Mustang, grazie principalmente al suo lavoro sull’ultimo programma Mustang Boss 302 e quindi allo sviluppo dell’attuale sesta generazione Mustang che aveva messo Mustang su un percorso davvero mondiale per il 2015. Dave ricorda cos√¨ il suo collega:

√ą davvero un giornata triste dopo aver saputo che Gale Halderman √® morto. So che l’intera comunit√† Mustang √® rattristata da questa notizia. Siamo tutti cos√¨ grati per tutto ci√≤ che Gale ha fatto per Mustang, inclusa la progettazione della primissima automobile a vincere il prestigioso Tiffany Gold Medal Award. Per me, il suo pi√Ļ grande “premio” √® stata la devozione dei proprietari di Mustang per il suo lavoro e le sue realizzazioni.

Parlando della comunità dei proprietari di Mustang, delle molte migliaia di commenti che avevano inondato i social media su Gale Haldeman poche ore dopo la sua morte, forse quelli di Mike Rey, presidente del Mustang Club nel sud-est del Michigan orientale, hanno riassunto al meglio i loro sentimenti:

Oggi il mondo ha perso non solo un’icona nel mondo Ford e Mustang, ma ha perso un vero gentiluomo in ogni senso della parola. Gale √® stato l’uomo pi√Ļ gentile e sincero che abbia mai incontrato in tutta la mia vita. Voleva sempre aiutare. Sempre disposto a parlare. Ho trascorso un po ‘di tempo con Gale e Hal Sperlich al funerale di Lee Lacocca la scorsa estate, e tutto ci√≤ che continuavo a pensare era la fortuna di stare in piedi e parlare con questi due uomini! Gale √® stato un ottimo esempio di ci√≤ che √® buono in questo mondo. Quindi a parte la comunit√† Ford e Mustang che perde un’icona, il mondo stesso ha perso un grande essere umano.

Halderman √® stato inserito nella Mustang Hall of Fame del Mustang Club of America nel 2004, e gli √® stato assegnato un premio Lacocca durante la 50a celebrazione della Mustang a Charlotte, nella Carolina del Nord. Presto divenne attivo negli eventi del club Mustang e nella comunit√† di appassionati di Ford. Nel 2014, Gale e sua figlia, Karen, hanno convertito il fienile nella propriet√† della sua famiglia, nella sua citt√† natale di Tipp City, Ohio, nel Museo Halderman, che ospita una collezione di opere d’arte e pubblicit√†, oltre a disegni e cimeli di tutte le cose Mustang, Ford e Lincoln Mercury. Nel museo √® possibile ammirare anche alcuni schizzi originali di Gale, oltre ad una Thunderbird, un Modello T e un Modello A, pi√Ļ alcune Mustang, tra cui la Mustang convertible del 1965 di Gale.
Halderman Museum
Karen ha detto a Ford Performance che ha deciso di chiudere il Museo Halderman per l’estate, ma lo riaprir√† per i tour su appuntamento solo in un secondo momento per aiutare a mantenere in vita l’eredit√† Mustang di suo padre. Oltre 100.000 follower su Facebook hanno visitato la pagina del Museo del fienile Halderman in sole otto ore dopo la morte di Gale.
Gale Halderman Museum
Halderman viveva insieme alle tre figlie: Karen Koenig, Kim Learning e Carol Marchelletta; ai nove nipoti; e agli otto pronipoti. √ą stato preceduto dalla morte di sua moglie di 60 anni nel 2013, Barbara Senter Halderman; da quella di un figlio neonato e di una figlia. √ą in programma un servizio funebre privato, ma Karen ha accennato a Ford Performance che una celebrazione Mustang della vita di Halderman √® in lavorazione, forse per il prossimo anno.

Una cosa è certa: puoi aspettarti che molti fan, club e proprietari di Mustang vorranno partecipare alla celebrazione di Gale Halderman, perché come la Mustang stessa, i grandi della Mustang creano grandi ricordi della Mustang.

Matteo Paciucci
Romano, classe '87, amante della competizione e di tutto ciò che abbia un motore. Drifter e pilota amatore, ha preso parte a diverse competizioni, campionati monomarca e rally. Elabora qualunque cosa, vive di chiavi inglesi e benzina 100 ottani.

Potrebbe interessarti anche

Comments are closed.

Altro in:News

Prossimo articolo

0 %